Il gioco è riservato ai maggiorenni e può causare ludopatia. Consulta le probabilità di vittoria sul sito del Concessionario o su AAMS.

Skin

Giocare a Texas Hold’Em con il Pot Limit

Texas Hold'Em Pot LimitIl poker Texas Hold’Em con Limite al Piatto può essere una modalità molto interessante per i giocatori più metodici e per quelli capaci di fare rapidi calcoli a mente.

La presenza dei limiti restringe infatti il campo delle combinazioni possibili per ciascuna puntata in ciascuna fase della mano, il che favorisce un gioco più solido rendendo gli esiti  meno imprevedibili.

Ma quali sono le peculiarità di questa modalità di gioco, ed in cosa è differente dal No Limit Texas Hold’Em?

Caratteristiche del gioco Texas Hold’Em con Pot Limit

Nel Pot Limit, in ogni momento un giocatore può puntare al massimo un importo pari al totale presente nel piatto (Pot), nel momento in cui punta, compreso quello necessario per vedere la puntata.

Ad esempio, prendiamo in considerazione un giro in cui i bui sono 10/20€. Nel piatto ci sono 30€ (piccolo e grande buio), il giocatore che vi precede ne gioca 20, il piatto totale arriva così a 50 €. Per vedere il piatto dovreste giocare 20 €, portandolo quindi a 70 €. Considerando che la massima puntata che vi è consentita è uguale al piatto (70), il massimo valore del pot sarà quindi pari a 140€.

Presa dimestichezza con questa fondamentale e, una volta assimilata, semplice regola, passiamo a vagliare alcune strategie per massimizzare le vincite, o almeno provarci, anche in questa variante meno rischiosa, ma altrettanto appassionante del Texas Hold’Em.

Strategie di gioco nel Texas Hold’Em con Pot Limit

La prima considerazione da fare riguarda le strategie pre-flop che nel Texas Hold’Em “tradizionale” hanno un peso importantissimo. Nel pot limit invece, visto che i rilanci massimi sono contenuti, un numero di giocatori maggiore tenderà a vedere il flop e sarà quindi più difficile gestire carte forti cercando di far foldare i propri avversari al pre-flop, per non dargli la possibilità di incastrare un punto più alto del nostro.

L’entità massima della puntata rende inevitabilmente il gioco più controllato e, allo stesso tempo, diventa molto più difficile leggere gli avversari. Come abbiamo visto prima, non è sempre possibile spaventarli con puntate di grandi entità, e i tentativi di bluff pre-flop per tentare di “rubare” il piatto diventano poco produttivi.

D’altra parte, proprio per questo, risulta più facile amministrare al meglio le proprie chips.

Andando avanti nella mano, chiaramente, l’entità del piatto inizierà probabilmente a lievitare, e con esso la possibilità di attuare uno stile di gioco più aggressivo.

E vista la facilità con la quale i giocatori tenderanno a vedere il flop, diventa di fondamentale importanza considerare, sia per se stessi che per gli avversari, la possibilità di chiudere un progetto (colore, scala) anche con carte iniziali deboli.

Calcolare le probabilità quando ci sono Limiti al piatto

Ecco perché nel pot-limit diventano importanti le implied odds, cioè le probabilità portare a termine un progetto e di vincere il piatto nelle fasi successive di una mano (probabilità implicita del piatto).

Rinfreschiamoci un attimo la memoria sulle Pot Odds, le probabilità offerte dal piatto: le Pot Odds si calcolano dal rapporto tra il numero di carte che possono uscire per farci vincere la mano, contro quelle che invece faranno vincere il nostro avversario.

Implied Odds o Implied Pot Odds (probabilità del piatto implicite) sono in pratica le pot odds modificate durante il gioco. In pratica prendono in considerazione anche le eventuali puntate aggiuntive di un avversario se il progetto si completa. Ovvero: non considerano soltanto quanto già l´avversario ha puntato nel piatto, ma anche quelle che sarà disposto a vedere con l’evolversi della mano.

Formula per calcolare le Impied Pot Odds

Implied Odds = possibile vincita attesa / puntata da effettuare

Questo ci porta alla considerazione successiva: le implied odds contengono sempre un elemento aleatorio, ovvero la probabilità di ricavare ancora soldi (la vincita attesa) dall’avversario se si completa il progetto.

Le Implied Odds sono quindi fortemente influenzate dal tipo di giocatore che avremo davanti e dal suo modo di giocare e sui suoi comportamenti futuri:

  • Quante chips sarà disposto a mettere nel piatto?
  • Quante ancora ne potrò vincere se chiudo il progetto, rispetto alle probabilità di vincita?

Un aspetto fondamentale, non solo di tipo statistico, che rende le implied molto più ardue da calcolare rispetto alle pot odds è che esse devono tenere conto anche degli scenari futuri. Niente paura però, perché una volta capito il meccanismo, le implied odds diventeranno un ottimo mezzo per valutare l’evolversi della mano e massimizzare le vostre vincite.

Di seguito una comoda tabella per il calcolo delle odds (ricordatevi che le outs sono il numero di carte utili per farvi chiudere il punto).

Probabilità nel Texas Hold'Em Pot Limit

Commenti:

Commenta

[cm_ad_changer campaign_id=17]